mercoledì 25 febbraio 2015

Recensione Zombie allo specchio di Gena Showalter

Titolo: Zombie allo specchio
Titolo Originale: Through the zombie glass
Autrice: Gena Showalter
Serie: The White Rabbit Chronicles #2
Ambientazione: USA
Protagonisti: Alice e Cole
Editore: Harlequin Mondadori
Pagine: 391
Data di uscita: 30 Dicembre 2014
Livello di sensualità: Tiepido
Punto di vista: prima persona (Alice)


Trama: In un attimo ho perso tutto ciò che conta. Il rispetto degli amici. La mia nuova casa. Il senso della vita. L'orgoglio. Il mio ragazzo. Ed è tutta colpa mia. Mia e di nessun altro. Sono stata io a permettere all'oscurità di entrare... Alice Bell è convinta che peggio di così la sua vita non possa andare, ma si sbaglia. Dopo l'ennesimo attacco degli zombie iniziano a verificarsi fatti mostruosi e inquietanti. Vede strane cose negli specchi, sente le voci dei non-morti, ma soprattutto avverte dentro di sé una presenza oscura che la costringe a compiere azioni terribili. Mai come ora ha bisogno dei suoi amici cacciatori e del sostegno di Cole, il suo ragazzo, eppure lui tutto a un tratto la respinge e si allontana, lasciandola sola a combattere contro gli zombie e contro l'oscurità che avanza. Per fortuna ci sono Kat e Reeve, le sue grandi amiche, a darle la forza di andare avanti. Perché l'orologio corre, e se Ali dovesse fallire sarebbero tutti condannati...
Serie "White Rabbit Chronicles"- Vol. 2

Recensione:
SPOILER per chi non ha letto il volume 1 della serie!

Finito il primo libro della serie, mi sono subito tuffata nel seguito. Dovevo sapere cosa sarebbe successo ad Ali, che avevo lasciato affettata peggio di un salame sul suo solito lettino dell’infermeria.

L’inizio del romanzo lascia giusto un attimo di respiro, il tempo di far guarire un poco la povera Ali (e farla coccolare un po’ dal suo Cole, che si deve far perdonare per averla quasi ammazzata!). Poi ecco che ci ritroviamo nuovamente catapultati in un vortice di avvenimenti: lotte con gli zombie, rapimenti, inseguimenti, incontri segreti... Non si corre certo il rischi di annoiarsi!

Come se non bastasse quella furbona dell’autrice inserisce due ulteriori elementi di disturbo. Uno di questi è esterno e si chiama Gavin, il quale ovviamente è un figo da storia, ma udite udite, scatena le visioni ad Ali. Vi immaginate la reazione di Cole? Quello fa paura quando è felice, immaginatelo arrabbiato e geloso!!! L’altro elemento di disturbo è interno, perché sì, Ali si trova a lottare contro se stessa, o meglio, con qualcosa dentro di lei. Se la vedrà davvero brutta, credetemi.

Nonostante tutto questo marasma, Ali riuscirà anche a ritagliarsi qualche attimo bollente con il suo bel ragazzone tatuato e le difficoltà rinsalderanno il loro rapporto. Così come diventerà ancora più forte l’amicizia che la lega a Kat e Reeve.

Se vi è piaciuto il primo libro della serie White Rabbit Chronicles, non potete assolutamente perdervi il secondo. Tanto più che alla fine trovate una chicca davvero speciale... Un biglietto da Cole!


Il mio voto è
Ciao a tutti, Alice

Nessun commento:

Posta un commento