venerdì 27 marzo 2015

Recensione Non dirmi di no di Kirsten Ashley


Titolo: Non dirmi di no
Titolo originale: Mistery Man
Autore: Kristen Ashley
Serie: Dream Man #1
Editore: Newton & Compton
Uscita: 12 febbraio 2015
Pagine: 480
Personaggi: Cabe “Hawk” Delgado, Gwendolyn Piper Kidd
Ambientazione: Denver, Colorado (USA)
Livello di sensualità: Hot


Trama: Mentre sta bevendo un cocktail, Gwendolyn Kidd incontra l’uomo dei suoi sogni. Trascorrono la notte insieme, ma quando si sveglia si ritrova da sola. La paura di avere perso l’uomo perfetto lascia presto il posto a una strana relazione con un uomo misterioso che, notte dopo notte, ritorna da lei. Ma di cui non conosce nemmeno il nome. Mentre Gwen sta lottando per cercare di porre fine a questo folle non-rapporto, Ginger, l’amico della sua vivace sorellina la avverte che sono in pericolo. Gwen non ha idea di cosa stia succedendo, ma è abituata alle buffonate di Ginger, così decide di lasciar risolvere a lui il problema. Pessima scelta. E solo mentre Gwen si troverà in mezzo a inseguimenti, rapimenti e detective, comprenderà il motivo per cui Hawk, l’uomo del mistero, la teneva a distanza…

Commento di Corinna:
Quando ho iniziato questo romance avevo grandi aspettative visti i tanti commenti positivi che avevo letto in rete. Scorse le prime pagine, però, mi è venuta la voglia di spegnere il mio e-reader e scaraventarlo contro il muro. È possibile che due persone vadano a letto insieme per un anno e mezzo e lei non conosca nemmeno il nome di lui? Dico, sono diciotto mesi!!! E’ sempre possibile che tutti i maschi che lei incontra, perdano la testa nel solo guardarla e mettano a repentaglio la propria vita per salvarla, senza averla sentita pronunciare nemmeno una parola? Evidentemente per la Ashley sì.
Tuttavia è mio principio che ogni libro meriti di essere letto per intero e, tenendovi fede, ho continuato. Alla fine direi che non me ne sono pentita anche se con qualche ma di troppo.

La narrazione è fresca, frizzante e la lettura scorre via che è un piacere. Le scene sono ben descritte e l’ironia la fa da padrone. Il sesso c’è ma, de gustibus premettendo, non è volgare. L’elemento suspense è discretamente costruito nonostante i tanti personaggi ingarbugliati nella vicenda. Predominante è l’alto livello di testosterone, dato dai quattro maschi alfa presenti. Tutti uomini da urlo, di quelli del tipo "io non devo chiedere mai", ma forse un po’ troppo simili nella loro caratterizzazione. Stessi atteggiamenti, modi fare e di parlare, tanto da risultare quasi indistinguibili.

I protagonisti, Gwen e Hawk, sono molto diversi tra loro ma devo dire che ho apprezzato molto di più lui. È sicuro, protettivo, forse un po’ prepotente questo sì, ma convive con una ferita del suo passato troppo dolorosa e nonostante normali titubanze, è pronto a mettersi in gioco e a rischiare per lei. Gwen, invece, è sarcastica, a tratti immatura, si emoziona per un paio di Jimmy Choo e sbava per ogni uomo Alfa che le si avvicina. Per carità, anche lei ha avuto le sue pene ma non credo che tali sofferenze abbiano influito sul suo modo di essere superficiale e frivolo. Pur sforzandomi, non sono riuscita ad averla in simpatia se non verso la fine, quando finalmente si scorge in lei un pizzico di profondità in più.

Con tanti (forse troppi???) “piccola” e “fiorellino” la storia tra i due va avanti tra schermaglie, alto tasso di erotismo e momenti di dolcezza in cui è quasi sempre Hawk a fare la prima mossa. Ovviamente l’amore alla fine trionfa e lo fa in un epilogo che ha costituito, forse, la parte che ho preferito.

Romanzo non originalissimo ma interessante che vede nello stile dell’autrice il suo punto di forza. Ironico e spassoso ma a tratti inverosimile e superficiale, è adatto per una lettura leggera e veloce.

Il mio voto è: 

Nessun commento:

Posta un commento