mercoledì 17 giugno 2015

Recensione I suoi occhi su di me di Aurora Bell





TitoloI suoi occhi su di me
Serie: Raw Family 1#
AutriceAurora Belle
ProtagonistiTwitch, Lexi
Editore: Newton Compton
Data di uscita:7 giugno 2015
Livello di sensualità: molto alta 

Punto di vista: Prima persona alternata







Trama: Lexi è single, ha tanti amici ed è appassionata del suo lavoro. Vive da sola e non cerca l’amore né il sesso. Ma un giorno appare uno strano tipo che la segue e la osserva con insistenza. La cosa si ripete nelle settimane seguenti, fino a diventare un pedinamento continuo. Lexi dovrebbe essere intimidita e aver paura, tante attenzioni da parte di uno sconosciuto dovrebbero allarmarla, e invece quando sente di avere quegli occhi puntati addosso si eccita e quando ne percepisce l’assenza si sente abbandonata. Una sera Lexi viene aggredita per strada, ma il suo ammiratore misterioso, che è lì vicino, la salva. Da quel momento comincia ad andare da lei di notte, e la passione rovente si impossessa di entrambi.Ma Lexi ancora non sa nulla di lui, che si rivela molto possessivo e prepotente. Chi è? Perché è ossessionato da lei? E soprattutto si può chiamare amore?


COMMENTO:


Questo è un libro che fino a una riga prima della fine avrei definito carino, ma dopo aver letto l'epilogo ha alzato, e di molto, il mio giudizio. E dire che non c'è lieto fine.

Viene definito dark romance, ma a mio avviso di dark c'è molto poco. E' la storia d'amore e ossessione tra un uomo rotto dentro e una donna che potrebbe avere il potere di rimettere insieme i cocci di un'anima andata in frantumi molti anni prima.
E' la storia di una vendetta tardiva, di come si può combattere il male che germoglia dentro di noi a causa del male inflitto da chi ci dovrebbe proteggere.

Twitch è il collante del romanzo. E' il protagonista assoluto, così fisico da bucare le pagine, così corrotto da sporcare la storia. La pelle istoriata da tatuaggi multicolori che ne esaltano la bellezza invece di offuscarla. E' lui che segue e spia Lexi, rendendosi visibile nell'invisibilità.

Lexi è un'assistente sociale, una che ha lottato per uscire dal fango e che lotta per far uscire altri giovani da una vita dura fatta di delinquenza e morte assicurata.
Cosa hanno in comune i due protagonisti? Molto eppure nulla, perché Lexi non conosce Twitch, ma lui conosce Lexi. 

La trama è torrida, fatta di sesso selvaggio e avvilente al tempo stesso, di luoghi putridi e di case lussuose, di amore, di baci e carezze agognate e sudate.
C'è tanto tanto sesso, infarcito da un linguaggio volutamente sporco, insulti gratuiti e pratiche spesso avvilenti.

E' un libro che nonostante i tanti punti deboli prende il lettore e lo trascina con sé fino alla fine.
Lexi è un punto debole, o meglio lo è il suo essere brava ragazza, perché fa scelte che vanno contro il suo personaggio, come se si professasse vegana e poi mangiasse una roosfbeef al sangue. Rischia di mandare a monte la sua sudata carriera per una scelta sciocca e avventata e affida la vita di un suo protetto ad un uomo che sa essere un delinquente. 

ATTENZIONE SPOILER
Fa sesso non protetto, si fa legare con una cinta al collo e pratica sesso spinto con un perfetto sconosciuto. Ok, il sesso selvaggio attira i lettori, ma siamo obiettivi: per dedicarsi a qualsiasi forma di dominazione, che magari comporta costrizione o dolore, bisogna riporre un'enorme fiducia in chi domina, altrimenti subentra la paura e addio eccitazione. 
Cosa ancora più grave, Lexi si scorda di prendere la pillola anticoncezionale, non un giorno, ma per un paio di settimane, ma succede se fai un trasloco, come no. Non si scherza con queste cose, mi fanno davvero innervosire. 
FINE SPOILER

Anche la motivazione della vendetta di Twitch non poggia su basi solide. Non si può odiare per tanto tempo una persona, una bambina, per un motivo così futile, ma, mi duole dirlo, il ragazzo è fortemente disturbato e la sua capacità di giudizio offuscata. Non che questo lo renda meno affascinante, anzi, probabilmente scatena in noi lettrici il classico istinto da crocerossina.

L'epilogo per fortuna risolleva il morale, un finale che è una botta allo stomaco, ma che poteva facilmente trasformarsi in un lieto fine, anche se non dico di più perché non voglio rovinare il pezzo forte del libro.

Aspetto con ansia il secondo libro, e spero sempre in un terzo perché io sono una fanatica dell'happy end.



Il mio giudizio è

Nessun commento:

Posta un commento