martedì 1 settembre 2015

Recensione di Oakeley Groove di Linnea Nilsson






Titolo: Oakeley Groove
Autore: Linnea Nilsson
Self Publishing 
Data di pubblicazione: 28 agosto 2015
Pagine: 194
Ambientazione: Stati Uniti
Personaggi: Octavia
Pov: Terza persona
Livello di sensualità: alta







Trama: La vita di Octavia stava andando a pezzi. Un marito infedele, una vita che le andava stretta, e ora il rischio di essere uccisa. Un’avventura che la porterà a prendere delle decisioni che cambieranno profondamente la sua vita. Combattere o scappare da tutto e da tutti in Ohio?
Una avventura mozzafiato, un western che vi terrà col fiato sospeso e un preludio alla guerra di secessione Americana. Con tanto erotismo nel mezzo.


COMMENTO: Parto subito con il dire qual è il difetto del libro: la copertina. Cioè guardatela, non vi sembra uno di quei fumetti pornografici in pieni anni 80'? (non perdete tempo a chiedervi come faccia a saperlo). E non è che sia una fan delle copertine, sì a volte le guardo e le giudico silenziosamente, ma questa volta non ce l'ho fatta a stare zitta, perché se una persona vede un'immagine del genere può solo pensare che il romanzo sia un'accozzaglia di copule più o meno variegate, con sonoro annesso.

E invece no. Questo è uno storico godibilissimo, con scene erotiche ben descritte e soprattutto inserite con criterio all'interno della trama.

La storia si svolge negli anni precedenti la guerra di secessione. Ci troviamo nel retrogrado sud degli Stati Uniti d'America. Più precisamente  in una piantagione di tabacco, nella casa della ricca Octavia e di suo marito Bruce, un uomo gretto e malvagio, che ama sperperare i soldi della piantagione e violentare le sue schiave.

Octavia è una donna del suo tempo, che si sottomette alle regole della società, per cui accetta i tradimenti del marito e le sue prepotenze, se non che un giorno spronata dalla sua sorellina (fa una piccola comparsa all'inizio, ma lascia il segno!) accompagna il marito al mercato degli schiavi e lo umilia prendendo decisioni al suo posto. Non vi dico nulla di nuovo, è scritto nella trama che tutti possono leggere su Amazon: il marito decide di farla fuori, intascare i soldi e essere libero di scop... gestire la piantagione e tutti gli schiavi.

Octavia lo viene a sapere e scappa. E qui inizia il suo peregrinare insieme a un colosso nero coperto di cicatrici, incontrando persone sul suo cammino, persone che nel bene e nel male saranno decisive per il suo futuro.

Ci sono diversi aspetti che mi sono piaciuti di questo romanzo: lo stile è molto fluido, scorre veloce, è incalzante come la storia. I personaggi, Octavia, prima di tutti, sono delineati con poche, azzeccate descrizioni. L'ambientazione, perché sembra di essere proprio al centro della storia, quasi quasi mi aspettavo di vedere comparire la mitica  Mamy. La parte erotica: si può dire ____________? Mi sono autocensurata, quello che intendo è che la parte erotica fa quello per cui è stata pensata, eccita. 

Il finale, anche se non spiegato apertamente, è abbastanza chiaro, ma ci sono talmente tanti personaggi e si sono create abbastanza nuove situazioni da sperare in un seguito,

Potremmo vederne delle belle, a Oakeley Groove



Il mio giudizio è

Nessun commento:

Posta un commento