venerdì 9 ottobre 2015

Recensione Tutte le volte che vuoi di Jodi Ellen Malpas (One night trilogy #2)



Titolo:Tutte le volte che vuoi
Serie: Onte night trilogy #2
Autrice: Jodi Ellen Malpas
Editore: Newton Compton
Pagine: 399
Data di pubblicazione: 1 ottobre 2015
Livello di sensualità: hot
POV: Prima persona (Olivia)

Trama: Miller Hart è ricchissimo, supersexy e sa portare Livy a vette di piacere mai raggiunte prima. Ma lei sa anche che non c’è un punto di ritorno. Ormai è decisa a illuminare con il suo amore l’oscurità in cui lui ha vissuto finora, anche se per farlo dovrà pagare un prezzo molto alto. Miller sa che tutto quello che ha nella vita non se l’è meritato, ma con Livy sarà diverso. Però deve riuscire a proteggerla a ogni costo da ciò che li circonda: i suoi peccati, i suoi nemici, e soprattutto se stesso.
Entrambi nascondono nel loro passato delle lunghe ombre, e devono capire se seguire il proprio cuore e rischiare il tutto per tutto per dar retta ai propri sentimenti. E ora è finalmente arrivato il momento della verità.


COMMENTO DI ARI:

Anche questa volta devo dire che la Malpas non mi ha colpita e affondata, perché questo secondo capitolo della serie ha iniziato a coinvolgermi soltanto dal capitolo venti in avanti (i capitoli in totale sono ventisette). Tutti gli avvenimenti precedenti li ho vissuti in maniera piatta, senza un minimo di quel pizzicore stimolante che mi spingeva a divorare le pagine. La storia scorreva, io continuavo a leggere ma senza provare particolari emozioni. E poi, come per magia, il ritmo schiaccia sull’acceleratore e finalmente la storia incomincia ad appassionarmi. 

Incomincio a vivere le sensazioni dei personaggi, sentendo il loro tormento, le loro ansie e paure, riconoscendo così lo stile della Malpas. In “Tutte le volte che vuoi” Miller è messo a nudo poiché viene fatta chiarezza sul suo lato oscuro; il lato che lo rende impietoso, disfunzionale e indecifrabile. Si capisce il perché dei suoi comportamenti ossessivo-compulsivi, ma si conosce anche il suo lato vulnerabile, quello giocoso (sempre nella misura di Miller Hart) e quello che lo rende bisognoso di amore, di avere conferme e di vivere in totale tranquillità il suo rapporto con Olivia. 

Pur essendo un uomo emotivamente compromesso, vede in lei la sua luce, la forza che lo spinge a voler scappare dall’oscurità e dal suo mondo implacabile. Non dice esplicitamente di amarla, ma glielo dimostra venerandola, esaudendo ogni suo desiderio, proteggendola e assecondando ogni sua richiesta. Ora che l'ha avuta, scopre di non poterne più fare a meno, lei diventa il più prezioso dei suoi averi, capisce che non può vivere senza la sua abitudine, nonostante tutti i pericoli cui andranno incontro.

"E' il sangue nelle mie vene. E' l'aria nei miei polmoni. E' la vivida luce di speranza nella mia travagliata oscurità".

Olivia è catapultata a velocità incontrollata nell’ombroso mondo di Miller e tenta con tutte le forze di rimanere in piedi. Barcolla, viene più volte sopraffatta dagli avvenimenti e ostacolata da persone che tentano di sabotare il loro rapporto, ma con irriverenza e caparbietà riesce a trovare il suo equilibrio trascinando con sé Miller, che vive in uno stato di perenne conflitto tra la sua vita attuale e il futuro che vorrebbe creare con Olivia, fuori da quel tunnel apparentemente senza uscita. Olivia è un personaggio articolato che s’innamora perdutamente di Miller, e anche se a volte assume comportamenti adolescenziali, alla fine risulta una donna dal carattere deciso. 

“Supplicami di votare il resto della mia vita a te, Olivia. 
 Dimostrami che vuoi noi almeno quanto me. "
"Lo voglio…"
"Supplica, non negarmelo."
"Ti supplico…
"E io supplico te.”

Troverete liti, isterismi, separazioni, rivelazioni inaspettate e tanto buon sesso; sia quello lento che ti consuma sia quello selvaggio e passionale che ti toglie il respiro. Un’altra nota dolente che riduce ulteriormente il mio giudizio è la mancanza di una buona traduzione, aspetto che sinceramente non ho riscontrato nel precedente libro. Il finale ci lascia con un dubbio che sicuramente sarà chiarito nel libro successivo, anche se vi assicuro che non è poi così difficile risolvere il mistero che si cela dietro le ultime parole.

In ogni caso do il merito all’autrice per la sua capacità nel creare eroi danneggiati, bollenti, dannatamente sensuali ed eroine irriverenti e coraggiose.

Ho amato (come d’altronde molte di voi) all’inverosimile Jesse e Ava e vi prego di non fare paragoni... non c'è storia... nessun personaggio che creerà in futuro penso possa eguagliare il loro predominio, ma ho deciso di voler dare a Miller e Olivia una possibilità quindi attenderò l’uscita di “One Night - Unveiled” per vedere cosa succederà, con la speranza che in questo terzo libro l’autrice riesca a conquistarmi totalmente facendomi divorare virtualmente ogni pagina.


Il mio giudizio è

1 commento:

  1. Ciao,
    Anch'io ho iniziato ad apprezzare questo libro sul finale, le ultime 100 pagine le ho divorate e non riuscivo a staccarmi dal romanzo.
    Anch'io ho amato tantissimo Jesse, e sono d'accordo quando dici che sono due personaggi molto diversi e non bisogna fare paragoni!
    Leggerò anch'io il terzo nella speranza che mi coinvolga dall'inizio alla fine come ha fatto la serie precedente!

    RispondiElimina