martedì 31 maggio 2016

Recensione flash: In sella col diavolo: Coffin Nails MC
di K.A. Merikan (Serie Sex & Mayhem #1)

Titolo: In sella col diavolo: Coffin Nails MC 
Titolo originale: The Devil's ride: Coffin Nails MC 
Autrice: K.A. Merikan
Serie: Sex & Mayhem #1
Pagine: 480
Data di pubblicazione: 3 maggio 2016
Genere: M/M
Punto di vista: terza persona 
Livello di sensualità: alto

Trama: Quale idiota metterebbe le mani addosso al figlio del presidente?
Denti. Vice presidente del Coffin Nails Motorcycle Club. Votato alla vendetta. L’ultima cosa che gli occorre è una marchetta a cui fare da babysitter.
Lucifer. Caduto. Smarrito. Solo.
Dopo un’infanzia desolata e all’insegna degli abusi, seguita dal suicidio della madre, Lucifer si è ritrovato solo al mondo, costretto ad arrabattarsi per andare avanti giorno dopo giorno. Suo padre, presidente del Coffin Nails Motorcycle Club, non gli ha mai prestato né attenzioni né affetto. Per questo, quando i Nails si presentano al locale dove lavora come spogliarellista e tuttofare, l’ultima cosa che Lucifer si aspetta è di finire sotto la custodia di Denti, il vice presidente del club, famoso per i suoi spietati interrogatori. L’uomo è la bestia più sexy che il ragazzo abbia mai visto, ma è anche più vecchio ed eterosessuale – insomma, un prurito che Lucifer non ha speranze di grattare.
La vita di Denti è finita dodici anni fa, col brutale omicidio del suo ragazzo. La polizia non ha mai trovato i colpevoli, e tutte le piste si sono rivelate vicoli ciechi; ostinato nel perseguire la propria giustizia, e intenzionato a ritrovare la pace, l’uomo si è unito ai Coffin Nails. Peccato che ad anni di distanza, il caso rimanga aperto, e il fuoco della vendetta continui a consumarlo.
Finché di punto in bianco, Denti non si ritrova a fare da babysitter a un adolescente che nasconde ferite profonde e ha un talento per la fuga. Si è ripromesso di non affezionarsi mai più a nessuno, ma il ragazzino, così sfacciatamente gay, ha bisogno della sua protezione per sopravvivere nel club dei Nails. E ogni giorno che passa, Denti si sente più attratto da quegli occhioni blu… Ma è fuori questione andare a letto col figlio del presidente, anche quando diventa evidente che quella fra loro non è una semplice attrazione fisica.
Quello che Denti non sa è che Lucifer potrebbe anche essere la chiave per trovare la pace mentale che tanto disperatamente insegue.

Recensione:

Quando ho comprato questo romanzo pensavo di farmi quattro risate, perché dai... leggete la trama e poi ditemi se non sembra un concentrato potente di trash di infima qualità. Se poi leggeste gli avvertimenti, che io qui vi ho risparmiato per dignità, vi pieghereste in due dal ridere. E invece... a sorpresa è stato una lettura carina! Premetto che non vado pazza per il genere M/M, non perché abbia qualche pregiudizio, ma semplicemente perché mi piace identificarmi nella protagonista ed è un attimo difficile farlo se entrambi i protagonisti hanno... ecco... il pene. 

Forse quello che è un punto debole oggettivo del romanzo è stato proprio il motivo per cui l'ho digerito con più facilità. Cioè? Lucifer, detto Luci, è decisamente effeminato: è snello e delicato, ha lunghi capelli biondi che cura con maniacale attenzione, ha una passione per la pulizia e ogni volta che ti volti è lì che sfrega la vasca o cucina qualcosa, gli manca solo il grembiulino con il pizzo. Faceva il ballerino di lap dance in leggins sbrilluccicanti, è sfacciato, capriccioso e immaturo. Devo continuare? Insomma, metteteci Lucy al posto di Luci e il gioco è fatto. A volte mi dimenticavo che si parlasse di un ragazzo.


Denti al contrario è il tipico maschio alfa di cui noi donne andiamo pazze: rude fuori e tenero dentro. Ha un corpo imponente, alto e muscoloso, ricoperto di tatuaggi, lunghi capelli scuri e una folta barba. Protegge Luci a spada tratta, lo difende e lo coccola, anche se nel suo modo brusco. Per buona parte del romanzo gli lascia credere di essere etero, in modo da non essere tentato di lasciarsi andare all'attrazione che prova per il figlio del suo capo. Ma riuscirà a resistere al carattere da cucciolo adorante del bel biondino? 
"I peli ispidi gli solleticarono la pelle quando Denti si girò a guardarlo, e i loro nasi si sfiorarono, uno contro l'altro, le labbra a pochi millimetri di distanza. Luci non riusciva neanche a sbattere le palpebre, tanto era soffocato dall'emozione. Non era mai stato innamorato in vita sua, e cominciava a chiedersi se non fosse quello, che si provava. Il desiderio costante di stare con l'altra persona, il riscaldarsi e agitarsi ogni volta che le eri accanto, la nostalgia di quando non c'era, e il piacere massimo quando potevi starci insieme. E non era perché Denti fosse avvenente; era perché aveva tutto. Era bello, premuroso, lo proteggeva ed era capace di annientare chiunque potesse intimorire Luci. Peccato che non fosse gay."
L'ambientazione del club motociclistico sta andando molto di moda e ammetto che lo trovo stuzzicante e spaventoso allo stesso tempo. Questo romanzo è abbastanza crudo, si parla di violenza, di droga, di criminali veri. Ma la personalità solare e disinibita di Luci alleggerisce il tutto, rendendo il romanzo non troppo pesante. Affronta temi interessanti e attuali come l'omofobia, il traffico di organi e di droga, ma entra anche nel personale, nell'emotività dei personaggi. Parla di accettazione, non solo di se stessi ma anche dei propri rapporti con amici e famigliari. 

La storia d'amore è molto dolce e tenera e sì, anche parecchio hot quando i due iniziano a darsi da fare. Anche se ci sono alcune ingenuità narrative e Luci a volte ti verrebbe voglia di prenderlo per un orecchio e metterlo in castigo, è stato una lettura piacevole. 

2 commenti:

  1. Ciao Ali! Ah, avevo visto la cover in giro, ma non avevo capito che si trattasse di un mm! Ultimamente sto facendo la scorpacciata di mm, e poi adoro le ambientazioni da MC, però ecco questo non mi convince tantissimo, nonostante le tue quattro stelle. Questa volta passo! :3

    RispondiElimina
  2. Ciao Rosa! In effetti con il voto sono stata buona perché comunque mi ha divertita, però non so se entrerebbe nei tuoi gusti... Dai che per una volta non ti faccio spendere soldi! XD

    RispondiElimina