martedì 18 aprile 2017

Recensione Senza fare rumore di Rosa Campanile

Titolo: Senza fare rumore
Serie: Sweet Surrender #1 
Autrice: Rosa Campanile
Editore: Self-publishing 
Genere: Contemporary Romance
Data di uscita: 21 Marzo 2017
Narrazione: prima persona, pov alternato
Livello di sensualità: alto

Trama: “A te hanno spezzato il cuore. Il mio, invece, l’hanno preso e portato via con la forza.”
Bastano cinque parole pronunciate dalla donna che credeva di amare per far sì che la vita di Tyler Keyes venga stravolta e il suo cuore si spezzi in due.
La stessa notte, ma a settecento miglia di distanza, la parte migliore della vita di April Holland scompare per sempre per colpa di una tragica fatalità.
Alla ricerca di una nuova prospettiva di sé, Tyler parte in un viaggio on the road per alcuni mesi. April, invece, nel tentativo di colmare il vuoto che sente dentro, volta pagina nel modo più sbagliato possibile.
Il caso farà incrociare le strade dei due ragazzi, e complice un’attrazione a cui è difficile resistere, Tyler e April si legano l’uno all’altra. Ma il destino non ha ancora terminato con loro. Qualcosa che non si aspettano accadrà. Qualcosa che li porterà a realizzare che non c'è resa più dolce di quella dell'amore.

Recensione di Alice:
Conoscevo già Rosa Campanile grazie al suo primo romanzo sci-fi/post-apocalittico Die Love Rise, che mi era piaciuto molto (qui la recensione), quindi ero davvero molto curiosa di vederla alle prese con un contemporary romance (il mio genere prediletto), con sfumature new adult.

Mi tolgo il primo e unico sassolino dalla scarpa: i primi capitoli mi hanno lasciata un po' spaesata, perché sono abbastanza lenti e questo non me lo aspettavo, perché ricordavo lo stile di quest'autrice molto fluido, con un ritmo della narrazione sostenuto e avvincente. Per fortuna questa sensazione se ne andata in fretta, perché appena i nostri due protagonisti si incontrano... beh... non ce n'è più per nessuno. La storia mi ha completamente catturata, trascinandomi nell'aria umida e calda della Carolina del Sud, insieme a Tyler e April, due personaggi che non dimenticherò tanto presto.

Il libro inizia con il raccontarci come lo stesso giorno, a distanza di centinaia e centinaia di chilometri, la vita dei nostri due protagonisti cambia per sempre. Un trauma di natura ben diversa, ma che li sconvolge profondamente allo stesso modo, portandoli a rivedere completamente i loro piani, il loro futuro, la loro stessa vita. Così Tyler parte per un viaggio on the road, per ritrovare il proprio equilibrio, e Aprile fugge dalla propria famiglia, da una realtà che non riconosce più come propria, in cui non riesce a essere se stessa.
Non avevo più voglia di fae niente di interessante o istruttivo, e tutto quello che sembrava riuscirmi così bene prima, come studiare, scrivere, lavorare, adesso sembrava il compito più difficile del mondo. Vivere era difficile.
I due si incontreranno in un momento diverso del loro percorso di risalita dal baratro in cui si sono ritrovati. Tyler ha ripreso in mano la propria vita, con una determinazione tutta nuova. April, invece, sta ancora cercando di venire a patti con quello che le è successo. Il loro incontro è fantastico proprio perché non è convenzionale, non è il solito cliché, non c'è il colpo di fulmine o altre banalità. L'autrice è riuscita a costruire il loro rapporto in modo naturale, credibile, ma allo stesso tempo coinvolgente, vibrante di emozioni e sentimenti che nascono piano, ma affondano le radici nel profondo.
Nella vita di ognuno di noi, ne ero sicura, c'è uno o più punti precisi, in cui accade un evento talmente influente che incide a fondo l'anima di chi lo vive. Così in profondità che l'esistenza, dopo tale mutamento, non potrà per forza di cose essere più la stessa. 
Tyler e April entrano l'uno nella vita dell'altro senza fare rumore, in punta di piedi, un giorno alla volta, ma in modo inequivocabile. Prima un'amicizia istintiva e sincera, poi un'attrazione fisica così forte che vedevo le scintille uscire dall'ereader e dare fuoco all'aria intorno a me. Quando alla fine passano ai fatti, beh... che ve lo dico a fare, è un vero e proprio incendio. Sono piuttosto schizzinosa sulle scene di sesso, mi piacciono e preferisco che ci siano, in un romance di questo tipo, ma spesso le trovo innaturali, forzate e niente affatto eccitanti. Non è questo il caso. Le scene erotiche sono molto sensuali, per niente volgari e molto moooolto calde.

Sono arrivata alla fine di questo libro con i cuoricini negli occhi, letteralmente. Ho adorato Tyler, che oltre ad essere un gran figo, è un bravo ragazzo, con la testa sulle spalle e una notevole sensibilità. L'ho apprezzato perché non è il solito bad boy, nonostante sia tatuato e bellissimo, ma un ragazzo di ventotto anni con un lavoro e una vita normale. Beh, più  o meno...
Anche April mi è piaciuta molto. Nonostante abbia una certa fragilità, ha anche un carattere deciso e forte, non è una sciocca e anche se ha fatto degli errori, come reazione alla sua perdita, allo stesso tempo non supera mai il limite, non ha le tendenze autodistruttive che spesso si trovano nei new adult e che, personalmente, trovo eccessive. È un bel peperino e il modo in cui riesce a tenere testa a Ty (e a tutti gli altri figaccioni che l'autrice ha sparso con generosa abbondanza in questa storia) me l'ha fatta adorare ancora di più.
Anche i personaggi secondari sono bel delineati e, a loro modo, indimenticabili, a partire da Emma, la sorella di Tyler, passando per Jax, il suo migliore amico e arrivando a Kurt, sul quale non vi anticipo nulla ma... secondo me il ragazzo ha un sacco di cose da raccontare.

Per concludere, è un romanzo che consiglio di tutto cuore a chi vuole leggere una storia romantica, emozionante e sensuale, ma non banale, che parla di rinascita e di come a volte si debba venire a patti con il destino. Non vedo l'ora di scoprire cosa l'autrice ha in serbo per noi con il prossimo volume della serie! 

8 commenti:

  1. Ciao Alice,
    come al solito abbiamo scritto quasi le stesse cose e siamo sulla stessa linea d'onda!! Ora aspetto il secondo romanzo della serie, sono curiosissima di conoscere gli altri personaggi!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Frency, io non ho parole... facciamo proprio le stesse riflessioni! Ma che Rosa sia brava... su questo non ci piove.

      Elimina
  2. Ciao Alice,
    come ho già scritto da Frency penso che questo libro potrebbe piacermi più del primo di Rosa perchè si avvicina molto più al mio genere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Susy! ^_^
      Sì, sicuramente questo romanzo è più nelle tue corde, ma ti assicuro che anche l'altro merita e non è così "sui generis" da essere apprezzato solo da chi ama quel genere. Magari inizia con questo e poi valuta. ;)

      Elimina
  3. Grazie Alice... per tutto! <3 <3 <3 Sapevo che ti era piaciuto, ma leggere la tua recensione è (come sempre) un piacere che mi risolleva il morale ;)
    Be', il problema adesso sarà scegliere a chi tocca prima, se a Jax o Kurt. Consigli? ;)
    Le scene di sesso sono sempre quelle che mi preoccupano di più: come lettrice le adoro e se mancano mi sento... derubata, ma come autrice ho sempre paura di mettere troppo, o troppo poco XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei stata bravissima, secondo me hai dosato perfettamente tutti gli ingredienti. Jax o Kurt? Scegliere è impossibile... tutti e due promettono scintille. L'unica differenza è che Jax lo abbiamo conosciuto un po' di più di Kurt. Guarda, l'importante è che ce li dai tutti e due, prima o poi! XD

      Elimina
  4. ohhhhh non vedo l'ora di leggerlo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Brava! Vedrai che non rimarrai delusa. ;)

      Elimina